Cronache di un vampiro – Canto della terra di Giovanni Di Rosa


  • Titolo: Cronache di un vampiro – Canto della terra
  • Autore: Giovanni Di Rosa
  • Trama: Dopo essere sopravvissuto allo scontro con il vampiro Virgilio, Andreas Rooney, professore di Oxford, è ora tallonato dalla polizia. In suo soccorso giungerà un’altra vampira, Annalise, da sempre nemesi di Virgilio. L’affascinante vampira si rivelerà per il professore molto più di un’alleata e proverà a proteggerlo tanto dal feroce vampiro che infesta Oxford quanto dalle indesiderate attenzioni delle autorità. Thomas, il giovane studente scomparso l’anno precedente e ora trasformatosi in immortale, si ritroverà, invece, imprigionato nella villa londinese di Raquel. La seducente vampira spagnola brama di asservire il giovane al suo controllo e di sfruttarne le incredibili capacità soprannaturali. Nessuno, però, è preparato a una minaccia imprevedibile che si profila dinnanzi a loro. Una minaccia ben più inquietante e grave di quella portata da Virgilio. Come si dice, il passato, a volte, ritorna e stavolta ritornerà nelle sembianze di un misterioso quanto istrionico assassino pronto a mietere vittime e a far piombare Londra nel panico.
  • Pagine: 263 pagine
  • Formato: Cartaceo e Kindle
  • Link Amazonhttps://amzn.to/30hVZwJ

Lettrici e lettori,

con mia somma felicità vi presento la mia prima recensione frutto di una collaborazione. Giovanni mi ha gentilmente proposto di leggere la sua ennesima opera che stavo aspettando da diverso tempo: Cronache di un vampiro – Canto della Terra.

Anche qui dividerò il mio commento in una parte no spoiler e una parte spoiler così da permettere a tutt* di farsi un’idea del romanzo.

Dopo la lettura del primo volume (trovate qua la recensione), ho sottolineato – e lo stesso Giovanni ne è consapevole – l’obiettivo ambizioso di mettersi davanti la figura del vampiro.

Il secondo volume si presenta come un’opera più ampia, sia come contenuti sia come volume numerico di pagine; e dalle vicende dove abbiamo visto Virgilio principale antagonista passiamo ad un pericolo molto più grande, con un’ampia analisi della figura vampiro presentato da Giovanni.

Da un certo punto di vista sono rimasto molto più affascinato da questa seconda opera, anche se come tutte le saghe il primo volume rimane nel cuore in quanto ti presenta le basi di ogni storia.

Mi ha affascinato perché se dà una parte alcuni personaggi che mi erano piaciuti nel primo, in questo secondo mi hanno fatto torcere il naso; ho trovato molto interesse nell’analisi più profonda di ogni singolo protagonista e della parte finale che apre ad un terzo volume che immagino come una vera bomba.

Chiudo qua la prima parte no spoiler con un giudizio estremamente positivo di questo secondo volume, Giovanni dedica molta più attenzione ad approfondire certe dinamiche con uno stile di scrittura che mi ha catturato già da tempo ma che porta avanti elementi continui di evoluzione.

Se da una parte la figura di Pomroy – seppur marginale nel finale viste le sue condizioni fisiche – continua a piacermi diventando di fatto il mio personaggio preferito; dall’altra parte quella di Annalise non mi ha fatto impazzire nelle varie scene.

Voglio essere chiaro, mi è piaciuta come è stata scritta ma le varie scelte non me la pongono più in simpatia come prima. Vive troppo la sua parte umana e questo le causa poca lucidità dopo la sparizione di Andreas.

Ma a queste sue scelte ho trovato interessante come di fatto tutti i vampiri debbano trovare una sorta di equilibrio tra la parte umana e quella istintiva di creatura notturna. Lo vediamo anche con Raquel, nonostante la sua malvagità cerca, sia con il rapporto con Thomas che con l’amante umano, una sorta di equilibrio e soprattutto di vicinanza affettiva con qualcuno.

Stessa condizione in cui si viene a trovare lo stesso Virgilio, stanco di tutte le atrocità commesse e di continuare una vita non vita.

Virgilio si strinse nelle spalle. Il suo volto stanco e segnato lo faceva assomigliare a un uomo. Un uomo come tanti, senza la perfezione e la forza di cui i vampiri sono dotati.

Da qui invece l’entrata in scena di Pius, figura estremamente interessante, che ha saputo trovare una sorta di equilibrio nella sua natura portando al desiderio di caccia del vampiro una disciplina militare che lo ha posto a capo del suo esercito in America. Sicurezza eccessiva che gli farà perdere lo scontro per uccidere lo stesso Virgilio e di fatto aprire una controffensiva degli sciamani.

A proposito degli sciamani, vediamo l’inserimento di Aponi, madre di Sahara, troppo presa dalla sua vendetta per ragionare sulla portata della confessione di Pius, di quello che significa per il suo popolo che di fatto dovrà prendere parte alla guerra che si profila all’orizzonte. Soltanto il canto della terra, cerimonia funebre con cui saluta definitivamente la figlia riesce a portarla ad un instabile stato di quiete.

Tale sentimento di vendetta è presente anche in Pomroy che riesce però a rimanere lucido nell’analisi e nelle scelte dei fatti che si susseguono.

Chiudo questa recensione ribadendo il piacere che questa lettura mi ha dato e nel ribadire che vi consiglio assolutamente questa lettura e soprattutto che non vedo l’ora dell’uscita del terzo volume.


Infine non posso non citare i ringraziamenti che Giovanni mi ha lasciato a fine romanzo e ringraziarlo a mia volta. Quando ho aperto questo blog il mio unico interesse (che continua a rimanere tale) è quello di portare la mia passione ad un pubblico sempre più ampio di lettori e di non lettori. Da sempre conoscere nuove proposte mi piace perché, come nel caso di Giovanni, nascondono mondi spesso inesplorati per pregiudizi e per i pochi lettori che abbiamo in Italia, ma che continuano a portarmi continue sorprese. E ovviamente il mio augurio, sia per Giovanni sia per tutt* coloro che intraprendono questo viaggio nella scrittura, è di riuscire a realizzare i loro obiettivi e i loro sogni.


Link acquisto: Cronache di un vampiro – Vincoli di Sangue

Link acquisto: Cronache di un vampiro – Canto della Terra

Pagina Instagram Giovanni

View this post on Instagram

Buongiorno e buona domenica, amici lettori! 👋🏻 ⠀ Come detto negli ultimi giorni, da domani sarà ufficialmente disponibile sullo store di Amazon "Canto della terra", secondo volume della trilogia "Cronache di un vampiro. ⠀ Vi ricordo per l'ultima volta che, se qualcuno avesse piacere di fare una recensione, può scrivermi in privato per avere una copia digitale. ⠀ Detto ciò, vi lascio con un estratto del libro ⬇️ ⠀ «E tu che farai?» «Niente.» «Mi guarderai dormire?» Andreas non riuscì a trattenere una risata. Si sedette a letto, mentre la stanchezza della giornata lo assaliva. Quante ne aveva passate. Era tutto troppo. L’ironia di pochi istanti prima svanì, quando Annalise decise di affrontare l’argomento più delicato, quello che Andreas stava provando a evitare sin da quando era stato condotto alla stazione di polizia per essere interrogato. «Steven…?» La vampira non riuscì a dire nient’altro, tanto era il timore che Pomroy non fosse sopravvissuto al colpo inferto da Virgilio. Andreas sospirò. «No, non è morto. Ma è in condizioni gravi. Emorragia interna, mezzo polmone collassato e cose simili. Almeno è questo quello che mi hanno detto i poliziotti. Lo devono operare. Pensavo di andare a trovarlo domani. Spero resista così a lungo.» Annalise annuì. Per un attimo sembrò tentata di aggiungere altro sull’argomento. Poi ci ripensò: non era il caso di appesantire ancora Andreas. Ne aveva passate troppe. «Riposa adesso. Penso che sia stata una giornata pesante…» si limitò a dire lei, rimanendo immobile, piantata sui piedi. «La peggiore della mia vita.» Annalise annuì. Lo guardava ancora con uno sguardo apprensivo. E in quel momento ad Andreas tornò in mente ciò che aveva detto Virgilio. Aveva detto che Annalise guardava Andreas in modo diverso, che teneva a lui. Andreas pensò a quelle parole e non poté fare a meno di sorridere. Malgrado tutto, malgrado i rischi e le incertezze, Annalise vibrava dentro di lui. Il suo corpo, i suoi occhi, i suoi modi di fare lo mandavano in confusione. Lo portavano in una dimensione in cui tutto perdeva di importanza. ⠀ #librisuivampiri #vampiri #vampiro #darkfantasy #cronachediunvampiro #scrittoriemergenti #libericoilibri #librielettu

A post shared by Giovanni Di Rosa (@giovannidirosa_writer) on

Blog di Giovanni

3 risposte a "Cronache di un vampiro – Canto della terra di Giovanni Di Rosa"

Add yours

  1. Grazie Luca. Il piacere della collaborazione è tutto mio. Mi ha fatto molto piacere la tua analisi dei personaggi. Sicuramente sentire da un lettore come vengono percepiti i miei personaggi mi dà molto stimolo. Apprezzo che si sia visto anche il mio maggiore interesse nell’approfondire psiche e dinamiche dei personaggi.
    Grazie e ancora grazie!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: